La tenuta dell’involucro all’aria e al vento

I grandi passi compiuti dalle tecniche e dai materiali di costruzione negli ultimi decenni hanno permesso di  ottenere edifici con comfort climatici eccellenti. Piccoli difetti di isolamento o fessurazioni nelle pareti, nelle finestre, o nei tetti, però, possono portare grossi disagi rendendo inutili gli sforzi tecnici ed economici e mettendo a rischio l’isolamento termico, permettendo dispersione di energia. Infissi, esposizione, uso di fonti rinnovabili, sono elementi fondamentali ai fini del risparmio energetico e ad essi si unisce anche la tenuta dell’involucro all’aria e al vento.

Un buon isolamento termico deve essere sempre accompagnato da una buona tenuta all’aria e al vento perché ciò assicura alle strutture un buon comfort interno, ma serve anche a proteggere l’edificio da possibili degradi conseguenti all’infiltrazione del vapore negli elementi costruttivi. La semplice coibentazione dell’edificio non è spesso sufficiente; per una casa, quindi, aumentare la tenuta all’aria ha la stessa importanza dell’incremento dello strato isolante.

La tenuta dell’involucro all’aria è la capacità di impedire il passaggio senza controllo di aria dall’interno dell’edificio verso l’esterno. Il trasferimento incontrollato di vapore all’interno di tetti o muri può portare a danni seri alle strutture o alla creazione di crepe e di umidità. Se tale flusso di vapore passa attraverso fughe anche piccole, il rischio che questo possa condensare è alto e un isolamento soggetto a problemi di umidità può far scendere drasticamente le performance termiche di un progetto anche in tempi brevi.
Le problematiche legate alla mancata tenuta dell’involucro all’aria possono dare origine a diversi fenomeni come la creazione di correnti d’aria poco piacevoli, il danneggiamento di materiali impiegati per la formazione di condensa interstiziale, la riduzione della capacità di isolamento acustico e infiltrazioni di sostanze inquinanti dannose per gli occupanti, come ad esempio fibre dei materiali isolanti e spore di muffa che renderebbero l’ambiente poco salubre.

tenuta dell'involucro

Fonte:www.casapratica.it

Lo strato di tenuta dell’involucro al vento, invece, deve contenere i flussi d’aria fredda dall’esterno che possono ridurre le funzionalità dei materiali isolanti. Dovrebbe essere posto a protezione dello strato isolante e evitare le infiltrazioni d’acqua. La tenuta al vento è situata all’esterno della costruzione e il suo obiettivo è impedire l’ingresso indesiderato di aria attraverso la camera di ventilazione della copertura o le pareti.

E’ necessario garantire la tenuta all’aria ed al vento in modo continuo per tutta la costruzione edilizia, prestando attenzione principalmente alla superficie degli elementi costruttivi, ai loro punti di raccordo e a quelli in prossimità di elementi come travi, tubazioni o prese elettriche che penetrano lo strato di tenuta.

Per individuare i punti non sigillati nell’involucro edilizio, ovvero dove è possibile il passaggio di aria esterna verso l’interno, si esegue una specifica prova convenzionalmente denominata Blower Door Test. La prova, che punta a verificare la presenza di spifferi e le mancanze di tenuta all’aria, non è invasiva né distruttiva per la struttura e consiste nell’iniettare o aspirare l’aria contenuta negli ambienti creando una variazione di pressione tra interno ed esterno. La differenza di pressione punta ad evidenziare punti critici dove vi è un passaggio dell’aria. Il Blower Door Test non comporta alcun rischio per le persone o per gli oggetti interni e viene eseguita anche per controllare il corretto montaggio dei serramenti.

tenuta dell'involucro

Fonte:www.gielle.it

Anche i serramenti, infatti, contribuiscono al buon comfort e devono garantire la permeabilità all’aria. La classificazione dei serramenti, in funzione della permeabilità all’aria, avviene secondo la norma UNI EN 12207 che definisce 4 classi. La Classe 4 è quella che identifica un serramento con un’ottima tenuta all’aria e in cui l’assenza di spifferi è quasi totale. In questo modo si impedisce al freddo di entrare e all’aria calda interna di condensare generando muffe. Una buona ermeticità all’aria del serramento assicura anche un buon isolamento acustico. La tenuta all’aria e al vento sono garantite nei serramenti dalle guarnizioni che vanno applicate in modo continuo lungo tutto il perimetro dei giunti di battuta, che devono essere elastiche e facilmente sostituibili. Perché il sistema finestra funzioni in modo efficiente è importante che il montaggio sia fatto a regola d’arte e che ci sia una regolazione periodica della ferramenta in modo da assicurare che l’anta chiuda bene sul telaio fisso. Eliminare le infiltrazioni di aria significa, dunque, non solo limitare i rumori esterni o evitare i disagi dovuti a spifferi e sostanze che possono causare allergie, ma soprattutto evitare lo spreco di energia.

tenuta dell'involucro

Fonte:www.posaqualificata.it

Author: Simone Animobono

Credits Cover: www.campesato.it



Vuoi sapere qual è il rivenditore a te più vicino o avere maggiori informazioni? Contattaci!

Nome*

Email*

Cognome*

Provincia*

Messaggio

vedi anche

altri articoli