Luna Park Sostenibili: come divertisi ad Energia Zero

Le belle giornate di sole sono il momento adatto per portare i bambini fuori casa e farli giocare in parchi giochi e luoghi di ritrovo. Si possono costruire Luna Park Sostenibili, lasciando tracce il più leggere possibile sull’ambiente e permettere un divertimento a basso impatto ambientale? L’idea che la sostenibilità si possa insegnare e vivere anche tra scivoli ed altalene è davvero entusiasmante e ancor di più lo è pensare che è stato possibile tradurla in realtà.

Questa volta siamo fieri di parlare di una conquista tutta italiana che nasce dalla semplice idea di Bruno Ferrin, proprietario di un’osteria a Nervesa della Battaglia, nel trevigiano, che ha realizzato un parco giochi in cui è possibile divertirsi rimanendo a contatto con la natura, immersi nel verde e soprattutto di farlo in maniera sostenibile.

Il Luna Park “Ai Pioppi” (il nome è un chiaro riferimento alla zona boschiva in cui sorge e con cui non entra in conflitto) è esempio di un parco dove si gioca ad energia zero, poiché tutte le attrazioni non sfruttano energia elettrica, ma sono attivate direttamente dalla forza motrice prodotta dai visitatori. Il vero motore delle circa 50 giostre che popolano il parco è l’energia del corpo umano. Si stravolge l’idea del visitatore passivo, che viene imbracato e sottoposto a sollecitazioni senza essere protagonista e si adotta l’idea di partecipazione attiva: se il visitatore non si muove e non aziona la giostra con la sua energia, la giostra rimane ferma. Le persone possono così divertirsi tra altalene, tappeti elastici, liane, ponti sospesi e discese con carrucole senza consumare energia in eccesso, se non la propria.

Luna Park Sostenibili

Fonte: www.easyviaggio.com

L’idea è nata nel 1969 e ci son voluti 40 anni per arrivare al parco giochi di oggi: partendo dalla costruzione di una semplice altalena messa a disposizione dei bambini delle famiglie che frequentavano l’osteria, il progetto si è ampliato fino a creare un luna park che ha attirato l’attenzione anche del “The Guardian”. Accanto a giostre più tradizionali come altalene e scivoli, se ne trovano altre più innovative: tutte rigorosamente disegnate e costruite a mano (aspetto che aggiunge ulteriore valore) e realizzate utilizzando materiale di riciclo reperito qua e là.

Luna Park Sostenibili

Fonte: www.wereblog.com

Questo tipo di giostra a energia zero permette una visione compartecipata del divertimento che può contribuire a far sviluppare relazioni sociali, rinsaldando i legami nei gruppi di amici e nelle famiglie. Non solo. Al di là degli aspetti relazionali e dell’abbattimento delle emissioni inquinanti, un altro punto di forza dell’intero complesso è il risparmio economico sul prezzo del biglietto che, nei casi dei luna park canonici, spesso tocca cifre proibitive. A questi vantaggi si aggiunge la relazione tra i più piccoli e il contesto naturale. I ragazzi possono percepire la foresta come un luogo divertente, da tutelare e rispettare in ogni suo aspetto; dalla cura verso gli alberi alla corretta gestione dei rifiuti.

Anche a Roma, in zona Torpignattara, è stato realizzato un parco per bambini totalmente green grazie ad un bando della Provincia per la riqualificazione delle aree verdi della città. I pannelli fotovoltaici installati sulle diverse strutture ludiche accumulano energia durante il giorno e la rilasciano nelle ore notturne garantendone l’illuminazione attraverso sensori automatici che attivano dei led. L’illuminazione notturna ha lo scopo di mantenere sicura l’area ed evitare atti vandalici.

Luna Park Sostenibili

Fonte: www.localsaver.com

Tali iniziative potrebbero stimolare le amministrazioni locali a prendersi cura degli spazi urbani trascurati che potrebbero essere trasformati in aree gioco per i bambini. Si tratta di progetti interessanti che permettono di applicare ad un ambiente di vita quotidiana e di divertimento il concetto di sostenibilità ambientale: i bambini sono delle spugne e in ogni momento della giornata imparano moltissimo, quindi farli giocare in un ambiente di questo tipo è formativo ed educativo.

Author: Simone Animobono

Credits Cover: www.travelwiz.ro



Vuoi sapere qual è il rivenditore a te più vicino o avere maggiori informazioni? Contattaci!

Nome*

Email*

Cognome*

Provincia*

Messaggio

vedi anche

altri articoli