Produzione Campesato e Good practices

L’approccio alle Good Practices si è consolidato nel panorama internazionale in occasione di Habitat II, la Seconda Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Urbano, tenutasi a Istanbul nel 1996.
Avviare percorsi produttivi di questo tipo (good practices) non risulta affatto agevole, in quanto presuppongono un cambiamento radicale nell’approccio alle fasi lavorative. Ma l’esito finale risulta determinante per soluzioni e sviluppi d’avanguardia per il settore ambientale.
Diverse sono le norme a cui si rifanno le good practices, come la ISO 9001:2000 e la ISO 14040. ?Oltre alla certificazione di qualità dei processi produttivi, l’azienda Campesato adotta strumenti che presuppongono un nuovo tipo di approccio imprenditoriale e culturale all’ambiente, approccio che può essere definito “proattivo”, cioè teso ad anticipare le norme per guadagnare un vantaggio competitivo nei confronti delle altre realtà che dovranno adeguarsi in futuro.

Di seguito il dettaglio delle varie fasi lavorative dell’azienda Campesato.

 

 Grafico-LCA_CAmpesato

lca1

Materia prima

Si può pensare che usando gli alberi come materia prima da cui ricavare il legno da costruzione si danneggia però l’ambiente. In realtà è possibile adottare logiche di sostenibilità, ovvero non depauperando il pianeta della risorsa boschiva ma ricavare il legno da costruzione, anche il più pregiato (tropicali o essenze particolari), da risorse boschive controllate, dove il reimpianto della risorsa avviene anche in misura maggiore dell’espianto.

Da quasi vent’anni è in essere una gestione ecologica che risponde al nome di “sostenibilità forestale e diversificazione” o “selvicoltura” e che impone la sostituzione di una pianta tagliata con piante più giovani ed efficienti, cioè in grado di ottenere i più grandi vantaggi dalla fotosintesi.

 

Campesato utilizza ormai da anni esclusivamente legname certificato per la gestione sostenibile delle foreste.

sfc_logoFSC è un’organizzazione non governativa, indipendente e senza scopo di lucro, costituita per promuovere la gestione responsabile delle foreste in tutto il mondo.  Anche il WWF si stà impegnando per diffondere la sua conoscenzaCAL_6278

La selvicoltura infatti  ha il compito di garantire il giusto equilibrio tra uomo e natura. Una delle nostre essenze che meglio rappresenta questi concetti è il RED EUCALYPTUS GRANDIS proveniente da foreste certificate FSC.

Per mantenere il sottobosco pulito e garantire la concimazione naturale dei terreni vengono fatte pascolare mucche, pecore e cavalli allo stato brado. La pianta del Red Grandis viene tagliata a completa maturazione solo al raggiungimento del corretto diametro del tronco. Il taglio avviene secondo precisi programmi e accurata selezione dopo circa 18-20  anni.

 

lca2Energia in produzione

I processi produttivi dell’azienda Campesato sono guidati dall’intento di ridurre al minimo ogni spreco con lo scopo di causare il minor impatto ambientale. Il fabbisogno energetico dell’azienda è garantito da una serie di accorgimenti ecologici.
Il principale scarto di produzione è costituito da sfridi di legno, trucioli e segatura. Gli sfridi vengono ripartiti tra i dipendenti per il loro fabbisogno di riscaldamento domestico. Trucioli e segatura invece vengono utilizzati come combustibile per riscaldare l’intero stabilimento produttivo e gli uffici.
Un impianto fotovoltaico integrato sulle coperture degli edifici, provvede al   recupero di oltre la metà del fabbisogno di tutta l’energia elettrica richiesta.

Segatura-trucioli- IMG_5399

 

lca3

Trasporto

Nonostante il trasporto sia uno dei punti critici del ciclo di vita del prodotto, Campesato in stretta collaborazione con trasportatori di fiducia, programma attentamente i viaggi.

I carichi vengono ottimizzati costruendo bancali su misura per sfruttare l’intera capacità dei container.

SG104655

lca4Installazione

L’efficenza energetica di un edificio è subordinata a una corretta esecuzione di posa e ad un’attenta scelta dei materiali da utilizzare per l’installazione (benda freno vapore, nastro auto espandente, schiuma poliuretanica e sigillanti appropriati). L’installazione di un serramento si può effettuare in molti modi, quello raffigurato è attualmente il più  efficace e garantisce le più elevate prestazioni termiche, acustiche e di tenuta all’aria.3d_installaxione

 

lca5Utilizzo

Il serramento in legno Campesato è un bene fisico di notevole durata, elevata qualità costruttiva e di sicura efficienza nell’esercizio.  Così esso si inserisce con efficacia nell’allestimento dell’habitat per contribuire a ridurne l’impatto energetico e quindi i costi di esercizio.

Utilizzo_serramento_mano

 

lca6Mantenimento

L’attenzione e la cura rivolta alle cose a cui teniamo fa si che queste rimangano sempre belle. Il legno per natura  non  perde il suo valore nel tempo, aumenta semmai il suo fascino.
Il serramento in legno grazie alle quattro mani di verniciatura permette di essere mantenuto nel tempo con semplici operazioni di pulizia utilizzando prodotti  Campesato specifici.

emblema

 

lca7Smaltimento/Recupero

Per garantire un recupero efficiente dei materiali da destinare al riciclo, i diversi componenti presenti in un serramento devono essere separati: legno, vetro, ferro e materie plastiche. Campesato dispone di procedure e spazi destinati al recupero e grazie alla collaborazione con aziende dedicate al riciclo si assicura del corretto end life del prodotto.

recupero



Vuoi sapere qual è il rivenditore a te più vicino o avere maggiori informazioni? Contattaci!

Nome*

Email*

Cognome*

Provincia*

Messaggio

vedi anche

altri articoli