CERTIFICAZIONE ENERGETICA

Diamo un quadro generale delle azioni intraprese nell’ottica di un minor dispendio energetico. La direttiva sul risparmio energetico nell’edilizia e i decreti 192/2005 e 311/2006 che ne recepiscono i dettami hanno introdotto la certificazione energetica degli edifici, documento che sta cambiando il volto alla filiera produttiva dei serramenti, privilegiando quelle aziende che hanno sempre perseguito la qualità come concetto primario.
La certificazione energetica definisce una classificazione dell’edificio in base al suo fabbisogno di Kwh/mq di superficie; praticamente assomiglia molto alle targhette energetiche che si trovano sugli elettrodomestici, quindi potremo avere una casa in classe A, B,C ….

La situazione è di continuo fermento: alcuni enti sono stati precursori dell’attuazione di queste indicazioni, molti altri, sia a livello regionale che locale, si stanno velocemente adeguando, scrivendo un proprio regolamento interno da far rispettare a progettisti, costruttori e produttori di manufatti/impianti. Massima attenzione è rivolta alle prestazioni degli involucri edilizi, che devono ridurre sensibilmente le dispersioni termiche in inverno e l’irraggiamento eccessivo in estate.

La trasmittanza termica la fa da padrone, infatti le linee legislative che abbinano risparmio energetico e detrazioni IRPEF , ne parlano ampiamente, indicandone i valori massimi ammissibili per ogni prodotto.

lux3022gr

Estratto dal sito Enea 7 Giugno 2013:

incentivi65.jpg

Le detrazioni fiscali per interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica degli edifici costituiscono il più generoso sistema di incentivi messo a punto per promuovere l’efficienza energetica e lo sviluppo economico sostenibile nel sistema immobiliare italiano.

Questo meccanismo incentivante, noto anche sinteticamente come “detrazione fiscale 55%” essendo stato per anni caratterizzato da una detrazione fiscale pari al 55% della spesa sostenuta per interventi di riqualificazione energetica degli edifici, dal 6 giugno 2013 vede innalzata la detrazione al 65% (d.l. 4 giugno 2013 n. 63 pubblicato in G.U. 130 del 5/06/2013).

Le detrazioni fiscali per l’efficienza energetica degli edifici sono prorogate fino al 31 dicembre 2013 salvo che per interventi relativi a parti comuni di edifici condominiali o che interessino tutte le unità di un condominio, per i quali la proroga è al 30 giugno 2014.

Restano confermati i limiti sugli importi detraibili già previsti per i diversi interventi ai sensi dei diversi commi di legge e le procedure da seguire per accedere agli incentivi. Informazioni di dettaglio sono reperibili sulportale informativo dedicato a questo meccanismo incentivante e sul sito Obiettivo Efficienza Energetica.

L’ENEA è il soggetto, incaricato dalla legge, cui inviare la documentazione obbligatoria per fruire delle detrazioni e in tale ambito svolge anche un ruolo di assistenza tecnica agli utenti.

La documentazione deve essere inoltrata per via telematica.

Entro breve tempo sarà disponibile il portale aggiornato per l’inserimento di pratiche in conformità alle nuove disposizioni. Per gli interventi effettuati sotto il precedente regime incentivante (55%) resta nel frattempo utilizzabile il portale http://finanziaria2013.enea.it.

Tabella2_class_energetica

Il coefficiente di trasmittanza termica Uw indica quanta energia (calore/refrigerazione) disperde il serramento attraverso la sua superficie. L’entità di tale numero si esprime in W/mq K ed è direttamente proporzionale alla dispersione di calore che si ha attraverso il serramento.

Trasmittanza termica e zone climatiche

Tutti i decreti individuano il serramento quale “punto cruciale“ dell’involucro edilizio: essendo l’unico mezzo per il passaggio tra l’ambiente interno e l’esterno è di conseguenza l’elemento la cui QUALITA’ è fondamentale per il comfort abitativo. Le tabelle relative agli infissi suddividono l’Italia in zone climatiche:

tab-risp_energetico

Si noterà che l’Italia è stata suddivisa in zone climatiche in funzione della temperatura, i cosiddetti “gradi giorno“, di ogni comune. I gradi giorno sono la somma delle differenze positive tra la temperatura interna della stanza, stabilita in 20°, e la temperatura media esterna giornaliera. Quindi, più alto è il valore dei gradi giorno più il clima è rigido, dunque più basso sarà il valore Uw richiesto al serramento. è stata disegnata una mappa, puramente indicativa, per aiutarvi ad individuare la zona climatica di appartenenza: in ogni caso la suddivisione esatta delle zone è verificabile negli allegati ai decreti legislativi.

Italia_class_energetica

I valori di trasmittanza termica del serramento Campesato rispettano ampiamente i limiti massimi consentiti per le varie zone climatiche che sono in linea con quelli previsti dal progetto “CasaClima“ della provincia di Bolzano.



Vuoi sapere qual è il rivenditore a te più vicino o avere maggiori informazioni? Contattaci!

Nome*

Email*

Cognome*

Provincia*

Messaggio

vedi anche

altri articoli