Un legno innovativo: il Red Grandis

Nel Nord Europa da sempre il legno è considerato uno dei principali materiali per la realizzazione di intere abitazioni. Inutile dire che in Italia ancora si fa fatica ad utilizzarlo totalmente: spesso viene impiegato per tetti e solai e talvolta per gli infissi. Eppure costruire in legno costituirebbe una valida soluzione che, grazie alle buone capacità isolanti di questo materiale, migliorerebbe notevolmente il bilancio energetico dei nostri edifici. L’attuale tecnologia delle case in legno è il punto di arrivo di una continua ricerca sia di soluzioni costruttive idonee, sia di materiali adeguati.

Una risposta a questa costante ricerca è l’impiego di un tipo di legno che possiamo definire innovativo, quasi rivoluzionario, visto che sono pochissime le aziende che oggi se ne servono.

Parliamo del Red Grandis, nome commerciale di un tipo di albero che fa parte della famiglia degli Eucalyptus. Il nome scientifico è Eucalyptus grandis ed è un albero dal legno molto duro e resistente contraddistinto da una colorazione che va dal rosa chiaro al bianco crema, ma che invecchiando tende a scurirsi. Per la sua colorazione chiara spesso viene chiamato “gomma rosa”, le sue foglie sono di colore verde scuro e il suo fusto può raggiungere i 50 metri di altezza (in alcuni casi addirittura gli 80 metri). Ha un ciclo di crescita di 18/20 anni che assicura una buona resa dal momento che il suo tronco è completamente liscio, spesso privo di difetti naturali.

CAL_2295-990x621Fonte: www.campesato.it

Il Red Grandis cresce in Australia e nel nord dell’Uruguay ed è un legno sostenibile perché viene da piantagioni certificate e controllate. Vanta, infatti, una certificazione internazionale specifica per il settore forestale e per i prodotti – legnosi e non legnosi – derivati dalle foreste. Tale certificazione identifica il legno proveniente da aree gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. Gli standard di gestione forestale di tale certificazione comprendono il divieto di tagliare foreste antiche, la protezione della naturale copertura forestale, il divieto di utilizzare prodotti chimici tossici, il coinvolgimento nei processi decisionali delle comunità locali e la protezione dei diritti delle popolazioni indigene.

Il Red Grandis è un legno durevole e resistente ai funghi e agli insetti e può essere impiegato per la realizzazione di mobili, pavimentazioni, per rivestimenti interni e avendo un’ottima resistenza all’umidità è consigliato anche per esterni. Viene usato per i serramenti e l’azienda Campesato è la prima in Italia ad averlo sperimentato. Si tratta di un legno ricavato da un ecosistema controllato e di esso viene prelevata una minore quantità rispetto a quella che viene coltivata: per 1500 ettari tagliati, 2500 ettari vengono destinati al rimboschimento, per cui segue precisi programmi e un’accurata selezione. I tronchi vengono tagliati solo alla fine del loro ciclo quando il loro diametro ha raggiunto i 60/80 cm, in modo da evitare qualsiasi spreco e da ridurre al minimo l’impatto ambientale.

cal_6479Fonte: www.campesato.it

L’uso del legno, in generale, è ideale nella realizzazione di serramenti in edifici a basso consumo e costruiti secondo i criteri della bioedilizia, poichè garantisce un buon isolamento termico ed acustico ed è di facile manutenzione. In particolar modo la corretta essiccazione del legno e i corretti trattamenti della sua superficie assicurano una buona durata nel tempo, la sua indeformabilità e stabilità.

Il Red Grandis ha il vantaggio di essere disponibile in abbondanza e di avere una rapida crescita, ma è soprattutto un legno facile da lavorare. La sua uniformità e il suo legno liscio lo rendono un materiale versatile, che si presta bene a una varietà di stili e sfumature e permette finiture di alta qualità, diventando una buona soluzione per prestazioni a lungo termine.

L’impiego del Red Grandis è la dimostrazione di come un “nuovo” materiale possa essere portato sul mercato con molti vantaggi in termini di durabilità naturale, facilità d’uso e disponibilità della fornitura; un’azione che avviene non a tutti i costi, ma mantenendo come parola d’ordine la “sostenibilità”.

Author: Simone Animobono

Credits Cover: www.gardensonline.com.au



Vuoi sapere qual è il rivenditore a te più vicino o avere maggiori informazioni? Contattaci!

Nome*

Email*

Cognome*

Provincia*

Messaggio

vedi anche

altri articoli